Attenzione! E' possibile che si verifichino problemi per la visulizzazione di questa pagina web con il browser in uso. Per un miglior utilizzo si consiglia di aggiornare il browser.
 

Formazione custom

MiFID 2 e la nuova disciplina finalizzata alla tutela dell'investitore

Dal 3 gennaio 2018 saranno in vigore le nuove regole della MiFID 2, che modificano l’operatività dei mercati finanziari e le regole di condotta banca-cliente nella prestazione sui servizi di investimento: il corso si concentra su queste seconde, dall’analisi normativa agli adeguamenti delle procedure e dei presidi organizzativi che le banche devono operare per essere compliant alle norme.

I nuclei tematici analizzati nel corso delle due giornate sono quelli caratterizzati dalle maggiori discotinuità rispetto al quadro normativo vigente, ovverosia, le misure di Product Governance, i nuovi doveri informativi ex- ante ed ex-post, la consulenza indipendente e il nuovo perimetro della valutazione di adeguatezza.

I contenuti possono essere ampliati, su richiesta del cliente, con le regole MiFID2 in tema di regolamentazione dei mercati.


Destinatari

Responsabili e professional delle funzioni Finanza, Legale, Compliance, Revisione Interna, Commerciale, Organizzazione


Contenuti suggeriti

  • Gli obiettivi della MiFID2 e la mappa delle principali discontinuità con MiFID1
  • Le misure di Product Governance: i compiti e le responsabilità del manifacturer, gli obblighi del distributor, target market e strategie distributive
  • I poteri di Product Intervention
  • Nuovi driver di valutazione dell’adeguatezza: tolleranza al rischio, capacità di sostenere perdite, comparazione prodotti equivalenti su costi e complessità, analisi costi / benefici
  • Informativa alla clientela, ex-ante e ex-post
  • PRIIPs e MiFID2
  • Nuove regole e nuovi scenari dei modelli di consulenza
  • Regole di Best Execution
  • Tracciatura e conservazione comunicazioni elettroniche, conversazioni telefoniche e incontri frontali: la policy interna e il registro dei devices
  • Gli Orientamenti ESMA sulla valutazione delle conoscenze e competenze del personale
  • Conflitti di interesse e pratiche di remunerazione