Attenzione! E' possibile che si verifichino problemi per la visulizzazione di questa pagina web con il browser in uso. Per un miglior utilizzo si consiglia di aggiornare il browser.
 

Corsi professionalizzanti

Percorso professionalizzante Internal audit in banca

Gli specialisti della Funzione Internal Audit operanti presso le banche e gli intermediari finanziari hanno l’esigenza di sviluppare e certificare le conoscenze e le capacità di applicazione dei metodi di conduzione dell'attività di auditing, coniugando assurance e consulenza al servizio dell’organizzazione aziendale.

A tale scopo il Percorso Professionalizzante è stato progettato considerando le richieste regolamentari delle Autorità di Vigilanza e gli standard professionali internazionali, consentendo quindi agli internal auditor di acquisire consapevolezza del loro ruolo strategico nei meccanismi di governo aziendale della banca.
Il Percorso è strutturato in 3 moduli per un totale di 7 giornate di formazione, che alternano docenze sulle singole tematiche a testimonianze aziendali ed esercitazioni di gruppo, che consentono ai partecipanti di confrontarsi in modo dinamico per condividere e acquisire metodi da riutilizzare nei contesti aziendali di appartenenza.

Gli iscritti al percorso possono partecipare ad una sessione finale di valutazione delle conoscenze acquisite per ottenere il “Diploma in Internal audit in banca”.


Obiettivi

  • Riconoscere ruolo e responsabilità della Funzione Internal Audit nella governance aziendale, in linea con il contesto normativo europeo
  • Identificare il framework professionale di riferimento (IPPF), indispensabile per l'esercizio indipendente della professione di internal auditor
  • Acquisire gli strumenti metodologici per lo svolgimento efficace ed efficiente dell’azione di internal auditing
  • Definire il processo di audit in logica risk-based, assicurando il continuo allineamento alle best practice internazionali ed agli orientamenti delle Autorità comunitarie
  • Delineare il rendiconto dell'esito delle verifiche assicurando al vertice aziendale un reporting funzionale all'assunzione consapevole dei rischi e delle azioni di mitigazione

Destinatari

Neoresponsabili e specialisti dell'area internal audit.


Programma didattico

I moduli del percorso

  • Modulo 1 -  La professione di Internal audit
  • Modulo 2 - Il processo di audit in ottica risk-based
  • Modulo 3 - La rendicontazione delle attività di auditing

Modulo 1

PRIMO GIORNO

Ruolo dell’Internal Audit nella verifica dei controlli

  • Evoluzione della normativa prudenziale e l’enforcerment della funzione Internal Audit
  • Ruolo e attribuzioni dell'Internal Audit nel Sistema dei Controlli Interni
  • Indipendenza dell’Internal Audit e procedure di escalation

Centralità dell’Internal Audit nell’approccio alla governance aziendale

  • Interrelazioni dell’Internal Audit con gli Organi Societari
  • Sinergia con le altre funzioni di controllo interno nell’azione di presidio dei rischi
  • Assurance dei piani e programmi delle attività delle diverse funzioni di controllo

SECONDO GIORNO

Cambiamenti e aggiornamenti del framework professionale di riferimento

  • Framework professionale dell’internal audit secondo le migliori best practice internazionali: IPPF (Institute of Internal Auditors) e ISACA (Information System Auditing)
  • Organizzazione e governo della funzione nel rispetto degli standard di “connotazione”
  • Ruolo dell'Internal Audit in relazione alle frodi

Strumenti e tecniche per un’efficace/efficiente esercizio della professione

  • Il bagaglio professionale dell’auditor: strumenti gestionali
  • Il bagaglio tecnologico dell’auditor: CAAT/GRC
  • Tecniche di audit e modalità di tracciabilità dell’azione espletata

 

Modulo 2

PRIMO GIORNO

Processo di auditing e oggettività di giudizio

  • L’offerta di auditing al servizio dell’organizzazione, secondo gli standard di “prestazione”
  • Pianificazione delle attività di auditing con un approccio risk based
  • Predisposizione di audit program efficaci per il raggiungimento degli obiettivi

Metodologie di assessment dei rischi aziendali

  • Assessment rischi aziendali con un approccio risk management
  • Analisi delle differenti metodologie di assessment ai fini di audit
  • Focus sulla metodologia di Control Risk Self Assessment per la pianificazione e l’esecuzione dell'attività di audit

SECONDO GIORNO

Analisi dei processi aziendali in logica di problem solving

  • Tecniche di analisi e di rappresentazione dei processi aziendali
  • Tecniche di analisi organizzativa in logica di efficacia e back-up delle attività
  • Tecniche di verifica del principio di separatezza
  • Focus sul processo del credito

Sviluppo dell’azione di audit dalla pianificazione al follow-up

  • Esecuzione dell’intervento: verifica organizzativa, assessment dei rischi, campionamento e relativi test di efficacia e di efficienza
  • Chiusura dell’intervento: analisi dei riscontri di audit, cross reference delle work paper, evidenziazione degli aspetti di criticità/miglioramento
  • Controllo di qualità dell’intervento

TERZO GIORNO

Assurance del governo prudenziale dei rischi

  • Approccio di audit sul processo ICAAP e sul RAF
  • Analisi del governo dei rischi e l’interazione con la funzione Risk management

Competenze relazionali dell’internal auditor

  • Principali modelli e stili di comunicazione, contesto comunicativo e assiomi
  • La comunicazione non verbale e la gestione dei conflitti
  • Tecniche di intervista nel processo di audit

Modulo 3

PRIMO GIORNO

Processi di reporting, follow-up e closing delle attività

  • Il rapporto di audit: flow del processo, struttura e qualità del report
  • Modalità di rappresentazione e condivisione delle risultanze: exit meeting
  • Processo di follow-up amministrativo e operativo: gestione processo e redazione report
  • Monitoraggio delle azioni correttive e di miglioramento

Consuntivazione e ottimizzazione dei servizi di audit

  • Rapporto di consuntivazione delle attività di audit
  • Contenuti di inizio mandato/ciclo e ad ogni chiusura di esercizio
  • Modalità d’interazione dell’Internal Audit con gli Organi apicali della banca
  • Modalità d’interazione con l’Autorità di Vigilanza: il Tableau de Bord

SECONDO GIORNO

Framework metodologici di assessment del sistema dei controlli interni

  • L’evoluzione delle metodologie di riferimento
  • I framework metodologici: CoSO, ERM, COBIT, MOG-231

Benchmark dell’aula e simulazione del test finale

  • Benchmark delle scelte organizzative e metodologiche
  • Illustrazione e simulazione delle modalità di somministrazione del test finale